scritto da Redazione Online Giu - 14 - 2018 TAG: ,

“Faber… né per denaro, né per il cielo” è l’omaggio a Fabrizio de Andrè che andrà in scena a Bobbio sabato 21 luglio alle ore 21.30, nel suggestivo scenario del Chiostro dell’Abbazia di San Colombano. Lo spettacolo è organizzato dall’associazione Kardios, realtà presente sul territorio dal 1989, dove realizza un programma socio-culturale-ricreativo a carattere solidale. Sul palco, ci saranno Marina De Juli attrice “storica” del teatro di Dario Fo e Franca Rame e tre musicisti: Andrea Cusmano, polistrumentista con esperienza nella musica popolare salentina e nel fdedicatolk, Francesco Amos Rampichini, chitarrista di musica classica ed elettronica e Silvio Centamore, percussionista per molti anni con il gruppo di Van De Sfroos.
Recitazione, canto, percussioni, chitarra, mandolino, fisarmonica, flauto: tutto per rendere omaggio ad un grande cantautore che scriveva poesie non su pagine di libri, ma affidava i suoi versi agli spartiti. De Andrè diceva: “Io non vendo sogni, i sogni si sognano, la realtà si racconta” e lo spettacolo mette in luce – attraverso un percorso cantato e recitato – il suo essere narratore di storie.
Da “Bocca di Rosa” a “Via del Campo”, da “Creuza de Ma” al “Il Pescatore”, “Nella mia ora di libertà”, “Fiume Sand Creek”, “La città vecchia” e tante altre, attraverso le parole e le immagini si cercherà di raccontare il mondo di Faber, che sapeva parlare d’amore e di morte, che faceva parlare gli umili, gli oppressi, i disperati, i perdenti e che ricordava l’importanza di essere liberi, liberi soprattutto di ragionare con la propria testa.

scritto da Redazione Online Giu - 14 - 2018 TAG: ,

Commenta

Per poter commentare i post devi essere registrato al sito di corrierepadano.it.
Se sei già nostro utente altrimenti Registrati