scritto da Redazione Online Lug - 12 - 2018 TAG:

Bruno Galvani e Stefano Accorsi

Dopo aver girato in lungo e in largo quasi tutta l’Italia, sono approdati nella nostra provincia il docufilm “Qualcosa…cambierà” e il film cortometraggio “Senza… peccato”, proiettati presso il circolo Arci Amici del Po di Monticelli d’Ongina.
“Qualcosa cambierà” è il docufilm del “Tour per la sicurezza sul lavoro” – l’iniziativa realizzata per promuovere la prevenzione degli infortuni e delle malattie professionali nei luoghi di lavoro, realizzata dall’Anmil con il patrocinio del Senato della Repubblica, dell’Anci, della Rai, dell’Ansa e il prezioso contributo del TGR Rai. Il documentario raccoglie le immagini più salienti del viaggio intrapreso dal presidente della Fondazione Anmil Bruno Galvani (paraplegico dall’età di 17 anni per un infortunio sul lavoro) che ha attraversato nel 2016 tutta l’Italia, lungo un percorso partito da Monfalcone e conclusosi a Roma. L’iniziativa ha toccato oltre 40 città nell’arco di 51 giorni. La colonna sonora del docufilm è stata realizzata dalla cantautrice Mariella Nava, dal musicista Mimmo Cavallo e dal rapper Skuba Libre.
Il cortometraggio “Senza… peccato” affronta invece un tema molto complesso: il binomio sessualità/affettività e disabilità gravissima. “Di questo argomento tabù – sottolinea Bruno Galvani – nel nostro paese si sta parlando addirittura dagli anni settanta ma dobbiamo ribadire che il disabile e la sua famiglia vivono quotidianamente tantissime frustrazioni e quelle che fanno riferimento alla loro vita affettiva, ai rapporti interpersonali, sulla necessità di tenerezza, dell’amore, della sessualità, sono fra le più importanti e negarle sarebbe veramente un peccato mortale”. “È inaccettabile – ribadisce Galvani – che una persona priva di autonomia sia costretta a rivolgersi alla prostituzione o peggio ancora all’intervento dei familiari, come purtroppo oggi succede. Eppure esistono esempi virtuosi di Paesi che hanno affrontato il problema e, senza preconcetti, hanno cercato soluzioni rispettose dei diritti di tutte le parti in causa, con un approccio medico e specialistico. In Olanda, Germania, Belgio e Paesi Scandinavi, sono stati istituiti appositi servizi di “assistenza sessuale per i disabili” che offrono ai disabili dei due sessi (compresi gli omosessuali) prestazioni di assistenza specialistica per la pratica sessuale”. Il film cortometraggio “Senza…peccato”, sostenuto dalle sedi Anmil di Piacenza e Trento, dalla Sipaa, da Bulla Sport e promosso a livello nazionale dalla Fondazione Anmil, è stato realizzato dal regista piacentino Marco Toscani e vede come protagonista Daniele Ciolli.
All’incontro di Monticelli d’Ongina erano presenti il regista Marco Toscani, il presidente della Sede Anmil di Piacenza Giovanni Ferrari, Valter Bulla (che ha sostenuto a livello economico entrambe le iniziative) e il Presidente della Fondazione ANMIL “Sosteniamoli subito”, Bruno Galvani.

scritto da Redazione Online Lug - 12 - 2018 TAG:

Commenta

Per poter commentare i post devi essere registrato al sito di corrierepadano.it.
Se sei già nostro utente altrimenti Registrati