scritto da Redazione Online Mag - 18 - 2017 TAG: ,

Pronto-soccorso-ospedale-di-Piacenza-2-800Tutti contro il progetto del nuovo ospedale? Sembrano d’accordo i candidati sindaco presenti all’incontro organizzato dai residenti e commercianti di via Taverna, contrari alla costruzioni del nuovo nosocomio. Presenti Sandra Ponzini, Luigi Rabuffi, Andrea Pugni, Massimo Trespidi ed Erika Opizzi per Patrizia Barbieri impegnata in un’altra iniziativa. Assente Paolo Rizzi, l’unico, finora, che si è espresso a favore del progetto dell’Ausl regionale e che, per questo motivo, non è stato invitato dagli organizzatori.
La discussione sulla ventilata costruzione del nuovo ospedale è così entrata prepotentemente nella campagna elettorale. “Il nostro quartiere sì è sviluppato grazie all’ospedale – ha spiegato Daniel Bozzarelli, referente dei commercianti – perchè ora spendere milioni per quello nuovo? Senza ospedale per le nostre attività sarebbe la fine. Servono posti auto?  Abbiamo proposto un parcheggio nel parcheggio dell’arsenale: nessuno ci ha dato una risposta”. Erika Opizzi, candidata per Fratelli d’Italia, lista che sostiene Patrizia Barbieri: “Noi non vogliamo un nuovo ospedale. La Regione non ha stanziato fondi, esiste solo un protocollo fatto da Dosi, Reggi e Bonaccini per confezionare una boutade elettorale. La nostra proposta è di riqualificare e potenziare il parcheggio di via Campagna, o di aprire l’Arsenale ma l’ospedale non si deve spostare”. D’accordo Sandra Ponzini: “Si tratta di una mera operazione immobiliare ed elettorale”.
E Rabuffi: “Occorre confrontarsi e ascoltare la gente. E’ vergognoso scoprire della decisione di realizzare un nuovo ospedale solo dai giornali. Nessuno ha potuto esprimere un parere. Se il problema sono i parcheggi noi suggeriamo l’acquisizione dell’area Ex Acna”. Categorico anche il no dei Cinque Stelle: “Proponiamo anche noi – ha spiegato Andrea Pugni – l’area Ex Acna per un nuovo parcheggio. Il nuovo ospedale avrebbe gli stessi posti letto di quello attuale e i 230 milioni previsti non basterebbero, come spesso accade in questi casi”. Contrario anche Massimo Trespidi: “Questa operazione ha come padrini gli esponenti del Pd e va bloccata. C’è veramente bisogno di un altro ospedale? Servono invece parcheggi gratuiti in zona. Il quartiere di via Taverna non deve morire”.

Rizzi: “Opportunità doppia”

“Un nuovo ospedale a Piacenza rappresenta una doppia grande opportunità: da un lato, avere una struttura più moderna, più al passo con le nuove tecnologie, più ampia e meglio fruibile dai pazienti; dall’altro significa restituire alla città spazi che hanno anche parti storiche meravigliose e che insieme potremo riprogettare per il bene dei cittadini”. Si esprime così il candidato sindaco Paolo Rizzi sul tema del nuovo ospedale di Piacenza. “Un ospedale strutturato a padiglioni – spiega – ha dei costi di trasporto interno ed energetici molto superiori rispetto a quelli di un complesso moderno, nell’ordine di mezzo milione di euro all’anno in più. Un ospedale al passo con i tempi, grande, all’avanguardia, sarebbe in grado di attrarre professionalità di livello che si aggiungerebbero a quelle già presenti a Piacenza. E sarebbe un vantaggio per tutta la comunità”.

scritto da Redazione Online Mag - 18 - 2017 TAG: ,

Commenta

Per poter commentare i post devi essere registrato al sito di corrierepadano.it.
Se sei già nostro utente altrimenti Registrati