scritto da Giancarlo Tagliaferri Apr - 18 - 2017 TAG:

moscaCi si attendeva un match pieno di insidie per il Piacenza a Roma contro la Racing e le aspettative della vigilia non sono andate deluse; alla fine al Casal Del Marmo della capitale e’ 3-3 tra gialloverdi e biancorossi, un pareggio che serve agli ospiti per mantenere a distanza Viterbese e Como blindando cosi il sesto posto in classica mentre per i romani è un punto che permette solo di ridurre lo svantaggio dal penultimo posto in classifica occupato dalla Lupa Roma. Franzini aveva previsto una partita da combattimento viste le motivazioni della squadra di Mattei chiamata a sfruttare appieno il turno casalingo per bissare la vittoria sull’Olbia e rilanciare le residue speranze di permanenza tra i professionisti, l’assenza di Taugourdeau e le condizioni non perfette di Matteassi hanno consigliato il ritorno ad un 3-5-2 molto fisico con Cazzamalli centro mediano e Segre sull’out di destra con l’intento di alzare il livello agonistico in risposta ad una formazione locale senza grossi palleggiatori ma temibile negli spazi larghi con il duo De Sousa – Majtan particolarmente pericoloso. Non e’ stata sufficiente la splendida doppietta iniziale di Nobile, abile ad infilarsi in rapidità nell’incerta difesa romana composta da Vastola, Caldore e Macellari per permettere ai piacentini di assicurarsi la vittoria esterna; i giallo verdi si sono dimostrati formazione tutt’altro che rinunciataria ed in grado di rispondere colpo su colpo all’attacco emiliano: prima Corticchia e poi De Sousa sono riusciti ad impattare per due volte il doppio-Nobile sino al 3-2 del difensore Macellari che ad inizio ripresa faceva sognare i capitolini prima che lo stesso giocatore si facesse espellere consegnando il successivo e finale 3-3 di Silva (alla prima rete da professionista con la maglia biancorossa). Gara ricca di ribaltamenti e  caratterizzata da difese non certo impermeabili, la maggiore determinazione e fame della Racing si e’ scontrata con il tasso tecnico sicuramente superiore del Piacenza che ha pagato una giornata di scarsa vena della suo pacchetto arretrato per un punto che forse fa sorridere maggiormente i ragazzi di Franzini e che lascia recriminazioni alla formazione di Mattei ancorati ancora all’ultima gradino e ad un passo ormai dalla serie D.

scritto da Giancarlo Tagliaferri Apr - 18 - 2017 TAG:

Commenta

Per poter commentare i post devi essere registrato al sito di corrierepadano.it.
Se sei già nostro utente altrimenti Registrati