scritto da Redazione Online Mag - 18 - 2017 TAG:
Michele Sfriso

Michele Sfriso

Dalla conca di Isola Serafini alla rete di piste cicloturistiche sul Po, dal nuovo palazzetto dello sport alla nuova scuola. Sono alcuni dei progetti avviati dall’amministrazione guidata da Michele Sfriso che il nuovo sindaco di Monticelli d’Ongina dovrà portare a compimento. Cinque anni di mandato, quelli di Sfriso, “caratterizzati – spiega il sindaco uscente – dalle difficoltà legate alla crisi economica e alla burocrazia ma comunque forieri di grandi soddisfazioni, un’esperienza che mi hanno dato la possibilità di conoscere molte persone e realtà produttive, di conoscere le problematiche del territorio e di cercare di trovare insieme delle soluzioni”.
La nuova conca di Isola Serafini “sarà consegnata al territorio – spiega Sfriso – entro la fine dell’anno: ad oggi, l’opera da 47 milioni di euro è stata completata per l’80% dei lavori. La conca – prosegue il sindaco uscente – renderà navigabile il Po e offrirà grandi opportunità turistiche e commerciali al nostro territorio, che è pronto a candidarsi come Centro intermodale per il trasporto su ferro, acqua e gomma e a dare nuovi input al comparto logistico piacentino. Anche l’utilizzo ecosostenibile del Po, inoltre, potrà creare nuovi posti di lavoro sul territorio”. Con la sottoscrizione, nel novembre scorso, dell’accordo territoriale “Verso il Contratto di Fiume” i comuni sulle due sponde del Po delle regioni Emilia e Lombardia si sono presi l’impegno di sviluppare politiche concordate in campo paesaggistico, ambientale, dello sport, della cultura e del turismo.
“Sono al vaglio – conferma Sfriso – numerose idee per il rilancio turistico dell’area, come l’ampliamento dei percorsi in motonave presenti sul tratto cremonese e il potenziamento della rete ciclopedonale sul Po”.
Gli altri cantieri aperti a Monticelli d’Ongina sono quello per la nuova sala consigliare, oggetto di un intervento di restyling da 433mila euro, e quello per la nuova scuola media che sorgerà al posto della struttura esistente, inagibile dal 2012. L’intervento – dal costo di 3 milioni e 600mila euro – comprenderà, oltre ad aule per la didattica e laboratori, una sala della musica, una mensa scolastica e una palestra che sarà utilizzata anche per convegni, spettacoli e feste comunali. In partenza, inoltre, i lavori per il palazzetto dello sport di S. Nazzaro, “che permetterà – dice Sfriso – alle società sportive locali di esprimersi al meglio”.
Per quanto riguarda sanità e sociale, buoni risultati sono stati ottenuti unendo le forze per migliorare i servizi con l’Unione dei Comuni della Bassa Val d’Arda Fiume Po: “Abbiamo unificato il corpo di polizia municipale – spiegava Sfriso a Corriere Padano- costituito la Centrale unica di Committenza (C.U.C.), lo Suap (Sportello unico per le attività produttive) e avviato il servizio socio-assistenziale. I risultati sono positivi: è la strada da seguire per offrire risposte concrete e puntuali ai cittadini”.

scritto da Redazione Online Mag - 18 - 2017 TAG:

Commenta

Per poter commentare i post devi essere registrato al sito di corrierepadano.it.
Se sei già nostro utente altrimenti Registrati