scritto da Redazione Online Lug - 28 - 2017 TAG:

Finalmente ci siamo riusciti! Il cotechino piccolo di Piacenza è stato accolto tra le specialità alimentari tradizionali regionali. Nella nostra provincia numerose sono le sagre dedicate al cotechino, ma non al “cotechino piacentino”. Da più di cinquant’anni la Festa del cotechino di Pianello ne è la massima celebrazione, ma non è bastato a farne riconoscere la tradizione perché l’aggettivo “piacentino” è sempre rimasto nella penna di chi scriveva. Alla fine il compromesso è stato raggiunto: a Piacenza si produce il cotechino piccolo. Noi chiamiamolo pure cotechino piacentino, consideriamolo un soprannome. E’ più confidenziale!
Il prof. Roberto Belli, presidente del Consorzio dei Salumi tipici piacentini, è soddisfatto: “La classificazione ce la siamo sudata, abbiamo dovuto fare i conti con il Cotechino di Modena classificato IGP .
La necessità di valorizzare questo tipico salume piacentino è emersa nel corso di un convegno organizzato durante la festa del Cotechino di Pianello.  Venne chiesto al Consorzio dei Salumi Tipici Piacentini di occuparsi delle procedure per richiedere alla Regione il riconoscimento di prodotto tradizionale.  L’iter burocratico non è risultato difficoltoso, sul territorio regionale esisteva già una denominazione tutelata, il Cotechino di Modena IGP, e Piacenza risultava compresa nell’area di produzione. E’ stato necessario   dimostrare l’assoluta differenza tra i due prodotti oltre alla storicità del nostro cotechino da sempre utilizzato in tante ricette della tradizione culinaria piacentina”.

Roberto Belli

La denominazione “ Cotechino Piccolo” e non “ Cotechino di Piacenza” o di “ Pianello”, come era nella richiesta iniziale avanzata alla Regione, è stata necessaria in quanto il Consorzio, nonostante le attente ricerche effettuate, non ha trovato nessun documento antecedente i 25 anni, come da regolamento nazionale, in cui fosse esplicitamente citata la denominazione che si era richiesta.
(Se qualche lettore fosse in grado di produrre documentazione in merito è pregato di contattare il Consorzio Salumi Tipici Piacentini tel. 0523- 591260)
Con il Cotechino Piccolo o Cudghein Piccinein salgono a nove i salumi piacentini compresi nell’atlante nazionale dei prodotti tradizionali. ( Cappello del Prete, Ciccioli, Coppa di Montagna della Valnure, Culatello, Lardo, Mariola,Salame Gentile, Salame da Cuocere,) Ricordiamo inoltre che Piacenza vanta anche, unica provincia in Europa, tre salumi a Denominazione di Origine Protetta, la Coppa Piacentina DOP, la Pancetta Piacentina DOP, il Salame Piacentino DOP. Il Comparto della salumeria è sicuramente un pilastro portante per l’agroalimentare del territorio piacentino sia in termini economici che storico-culturali.

scritto da Redazione Online Lug - 28 - 2017 TAG:

Commenta

Per poter commentare i post devi essere registrato al sito di corrierepadano.it.
Se sei già nostro utente altrimenti Registrati